E. la malattia che divide

Non ho citazioni belle da scrivervi e neanche frasi importanti da poter metter in mostra. Questa volta non aggiungerò neanche foto. La verità è che ho amato due volte e probabilmente per due volte il mio disturbo alimentare non mi ha fatto continuare a vivermi queste due persone. Per E. sono sicura, per l’altra persona che non verrà neanche nominata con una lettera ,in futuro, me lo sto ancora chiedendo. Di base voi direte: non c’era l’amore. Questo è vero. Ma io vi posso dire una cosa: nel viaggio che farete con me, visiterete cliniche, ospedali, centri riabilitativi. Quante persone sono in grado di reggere questo? E. era ancora probabilmente troppo preso dai suoi problemi che non posso dirvi, e dal fatto che forse doveva ancora dimenticare qualcuno. Io non mi sento di odiarlo o giudicarlo per questo; a modo suo mi è stato poi sempre accanto, e so che non se ne andrà. Questo non giustifica le persone che lasciano persone che soffrono di disturbi alimentari. Giusto ieri un mio vecchio compagno di università mi ha raccontato che la sua ex ragazza soffre di questo male e che lui l’ha lasciata. Ma la segue ogni giorno ,costantemente perché le vuole un gran bene.

I disturbi alimentari a volte sono più forti dell’amore, noi che ne soffriamo li mettiamo al primo posto e chi ci sta vicino ha le mani legate. Non giudicate mai. Ognuno ha la sua storia. Ognuno ha i suoi tagli nell’anima.

E. rimane ed è una bellissima pagina della mia vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...