Il mio luogo sicuro

La luci della città sono qualcosa di pazzesco, non me le ricordavo così belle. Forse perché non le guardavo con certi occhi. Quali occhi? Gli occhi dello stupore.

Dicono che non stupirsi di nulla sia un segno di grande intelligenza; ma, secondo me, potrebbe essere allo stesso modo un segno di grande stupidità… (Fëdor DostoevskijL’idiota)

Oggi mi sentivo come una bambina di 5 anni. Guardavo tutto con occhi spalancati. A inizio giornata c’era il sole e mi sembrava mi volesse salutare per dirmi “Benvenuta nuovamente nel mondo”,poi è arrivato il tramonto ed è stato come essere in pace con me stessa. Io, le colline, la musica, il mio amico Marco ed era come se la tempesta fosse passata, l’urgano aveva distrutto un po’ di cose, ma io le avevo rimesse insieme.

Spero per qualche secondo di avervi fatto viaggiare con me in quell’atmosfera in cui tutto era giusto, tutto era completo ed io ero il mio luogo sicuro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...